Una grandezza che non riesco a misurare

Erich Eder

A conclusione di una lunga giornata di lavoro, una di quelle giornate belle che danno un senso a quello che fai, mi permetto una piccola riflessione.
Erich Eder, allievo ufficiale della Wehrmacht, ha salvato la famiglia Sarano – e chissà quante altre – dalla deportazione, fingendo di non sapere dove fossero rifugiati. Fino a pochi anni fa i Sarano non sapevano nulla di Eder, pensavano di essere scampati alla Shoah perché nessuna li aveva scoperti. Nemmeno i figli di Erich Eder, fino a due anni fa, erano a conoscenza delle azioni del padre. Solo i monaci del Beato Sante, che avevano dato protezione a molti ebrei, sapevano.
Eder aveva 21 anni. Ha compiuto un gesto enorme, a rischio della vita, in tempi infami, e non ne ha parlato con nessuno perché Continue reading “Una grandezza che non riesco a misurare”

Una grandezza che non riesco a misurare

Siamo qui, siamo vivi. Il diario inedito di Alfredo Sarano e della famiglia scampati alla Shoah

Il 6 dicembre 1943 parte dal binario 21 della Stazione Centrale il primo treno con a bordo 250 ebrei milanesi diretti ad Auschwitz, l’ultimo convoglio è del 1° gennaio 1945. In totale saranno 896 gli ebrei milanesi deportati. Un numero terribile, e terribile sarebbe stata anche una sola deportazione, ma comunque “contenuto” se si pensa che il rastrellamento di Roma, avvenuto in una sola giornata, il 16 ottobre 1943, ha consegnato ai lager 1016 persone.
Se il numero dei deportati milanesi non è salito ulteriormente, lo si deve anche ad Alfredo Sarano che nascose Continue reading “Siamo qui, siamo vivi. Il diario inedito di Alfredo Sarano e della famiglia scampati alla Shoah”

Siamo qui, siamo vivi. Il diario inedito di Alfredo Sarano e della famiglia scampati alla Shoah

Appunti volanti su Un altro mare di Claudio Magris

Ho da poco finito di leggere Un altro mare di Claudio Magris. Una lettura fatta quasi tutta sul tram – come mi succede spesso da qualche anno a questa parte. Leggere sul tram un libro come quello di Magris è un’esperienza particolare perché Continue reading “Appunti volanti su Un altro mare di Claudio Magris”

Appunti volanti su Un altro mare di Claudio Magris

Intervista minima su “La Lettura” del Corriere della Sera

Non saranno i 15 minuti di celebrità di Andy Warhol, ma ogni tanto fa piacere raccogliere i frutti del proprio lavoro e avere modo di parlarne, soprattutto se in un contesto prestigioso come La Lettura, supplemento culturale del «Corriere della Sera». Ecco a voi la mia intervista minima su ebook, Bibbia e digitale (e un grazie ad Alessia Rastelli).

PS Si tratta del numero uscito in edicola il 7 maggio, ma poiché sono in un periodo bello incasinato, me ne bullo solo adesso. Per puro edonismo, metto anche il pdf.

La Lettura – Corriere della sera
Intervista minima su “La Lettura” del Corriere della Sera

Ecco chi sei. Pio La Torre, nostro padre

È in libreria da venerdì scorso un testo che io reputo davvero importante. Un libro che coniuga il valore della testimonianza e della memoria storica a una scrittura tersa ed esatta; si intitola Ecco chi sei. Pio La Torre, nostro padre e racconta – a trentacinque anni dall’omicidio – la vita di Pio La Torre. Gli autori sono i figli di La Torre Continue reading “Ecco chi sei. Pio La Torre, nostro padre”

Ecco chi sei. Pio La Torre, nostro padre

Riina, Vespa, libri e librai

L’intervista di Bruno Vespa al figlio di Totò Riina ha scatenato – come prevedibile – un pandemonio; ma non è di questo che voglio parlare, bensì di un effetto collaterale scatenato dall’ospitata televisiva. Alcune librerie (forse poche, forse molte, chissà… il fenomeno comunque si sta espandendo) hanno deciso di non vendere il libro di Riina Junior e di dichiarare la cosa appendendo un cartello in vetrina (credo che la prima a farlo sia stata una libraia catanese). Occupandomi per lavoro di libri è su questo che voglio esprimere la mia opinione.

Su Facebook l’ho scritta così:

Il libraio, i libri, deve suggerirli e venderli. La scelta e il giudizio vanno invece lasciati al lettore. Per cui, se fossi un libraio, non mi vanterei di non vendere un libro, qualunque esso sia.

La mia esternazione ha generato vari commenti, ne riporto Continue reading “Riina, Vespa, libri e librai”

Riina, Vespa, libri e librai

Cosa vuol dire occuparsi di ebook in una casa editrice?

In attesa dell’incontro del primo aprile al Dipartimento di Scienze Umanistiche dell’Università di Catania, ecco una prima riflessione su cosa voglia dire occuparsi di ebook e digitale in una casa editrice. La riflessione è tratta da un’intervista di qualche anno fa.

È un lavoro su più fronti. Da un lato c’è la parte legata ai contenuti, come la scelta ragionata dei testi del catalogo da recuperare, che risponde a criteri commerciali, ma anche culturali e di prestigio. Dall’altro c’è l’aspetto tecnico e pratico, ossia seguire il processo di conversione in formato digitale od occuparsene in prima persona, assicurarsi che i fornitori siano puntuali nelle consegne e gestire i preventivi. Infine il terzo aspetto, che in parte viene gestito a monte, è il pricing che negli ebook è determinante, insieme alla programmazione delle campagne promozionali (ed è anche la parte più divertente).

Cosa vuol dire occuparsi di ebook in una casa editrice?

Ci vediamo a Catania (e parleremo di ebook)

A 10 anni di distanza dall’ultima volta, torno a metter piede all’Auditorium De Carlo. Stavolta però in cattedra ci sono io.
Ci vediamo il primo aprile (no, non è uno scherzo) al Dipartimento di Scienze Umanistiche dell’Università di Catania. L’appuntamento è per le 9:30. Si parlerà di libri, ebook ed editoria (cartacea e digitale). L’incontro è aperto al pubblico.

Il giorno dopo invece terrò una lezione presso l’Accademia delle editorie della Villaggio Maori Edizioni, ormai giunta alla sua quarta edizione. Anche in questa occasione parlerò di ebook e gli studenti saranno impegnato anche in un laboratorio pratico.

Ci vediamo a Catania (e parleremo di ebook)

Sei valide ragioni per dubitare della bontà di un libro

Vi siete mai chiesti come si fa a capire se un libro è un buon libro oppure no? Be’ io non ho la bacchetta magica, ma qualche idea in proposito sì…

Sei valide ragioni per dubitare della bontà di un libro: Continue reading “Sei valide ragioni per dubitare della bontà di un libro”

Sei valide ragioni per dubitare della bontà di un libro