Di Vicenza io mi ricordo

Di Vicenza io ricordo il Retrone e il Bacchiglione, la nebbia all’alba prima del sorgere del sole, le passeggiate solitarie a tarda notte, i cinema vuoti e gli oratori pieni, le biciclette e i suoni del dialetto, il caffè corretto preso per sfida a un anziano alpino, il sorriso degli zii e il baccano dei miei studenti, la stanza di Giulia occupata per mesi e il computer di Antonio preso d’assalto.
Di Vicenza io ricordo d’esser arrivato ragazzo e tornato adulto, i treni per andare dal mio amore e i libri divorati fino all’alba, una casa in affitto su una circonvallazione deserta e un giradischi con un solo vinile.
Di Vicenza io ricordo che sono stato bene in biblioteca fino a tarda sera, in silenzio come non mi era capitato mai prima d’allora.
Di Vicenza mi ricordo, sì io mi ricordo.

Di Vicenza io mi ricordo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This blog is kept spam free by WP-SpamFree.