Se attorno hai il deserto anche una pozzanghera ti sembra un’oasi

Se fossi residente in Sicilia voterei Claudio Fava. Lo voterei nonostante la pessima figura di 5 anni fa (vedi la questione residenza), nonostante il sostegno di MDP (e l’orticaria che mi provoca Massimo D’Alema), nonostante l’inutile litigiosità e l’attitudine a scindersi anche con la propria immagine riflessa nello specchio dei partitini di sinistra, nonostante il sostegno dei nostalgici di un comunismo che nessuno ha mai visto e che puzza di vecchio anche se lo metti sottovuoto, lo voterei nonostante Fava sia destinato a perdere.
Lo voterei perché mi appare comunque il candidato più credibile; perché Nello Musumeci si è dimostrato un quaquaraquà e ha gettato nel cesso la propria rispettabilità facendosi appoggiare dalla peggiore marmaglia che si possa immaginare; perché Micari il PD l’ha messo lì a caso che non c’aveva chi diamine presentare e poi il PD – cos’è il PD siciliano se non la triste avanguardia di quello nazionale? – insieme a Crocetta ha già fatto abbastanza, per cui no grazie; perché del Movimento Cinque stelle non voglio parlar male che già hanno Beppe Grillo e quindi eviterei di infierire.
Il succo non è che voterei il meno peggio, ma che se attorno hai il deserto anche una pozzanghera ti sembra un’oasi.

Se attorno hai il deserto anche una pozzanghera ti sembra un’oasi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This blog is kept spam free by WP-SpamFree.