Sui pesi e sulle misure

Se un uomo si masturba a bordo strada – magari in una stradina buia, meglio ancora in uno slargo – è un depravato e un esibizionista. Se una donna è impegnata in una fellatio con un uomo a bordo strada – magari in una stradina buia, meglio ancora in uno slargo -, è una troia. E l’uomo? E l’uomo niente, l’uomo scompare. L’uomo non esiste o se esiste è un grande, un figo. Lei però è comunque una troia.
Se ben ricordo, il primo caso italiano di filmato amatoriale finito in rete fu quello di una ragazzina di Perugia filmata dal fidanzato mentre facevano sesso. Il video finì in rete e su di lei piovvero – come era immaginabile – insulti sessisti. E su di lui? Nulla. Nulla nonostante il pisello non gli tirasse a dovere, nulla nonostante a 18 anni o poco più facesse fatica a tenere la minchia dura. E allora? Doveva essere deriso per questo suo problemino? Due pesi e due misure. Lei un troia, lui ha fatto una goliardata. Allora direi che prima di incolpare i social media, gli smartphone e compagnia bella, dovremmo riflettere sui pesi e sulle misure. Poi possiamo parlare di tutto il resto; dei social degli smartphone, del dover essere consapevoli che qualunque cosa noi filmiamo o fotografiamo – divertente o erotica, in un’occasione pubblica o intima – può potenzialmente finire in rete, e una ragazza di 31 anni può ammazzarsi per questo.

Sui pesi e sulle misure

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This blog is kept spam free by WP-SpamFree.